Spiriti del mare


C’è una tradizione diversa per gli spiriti che abitano il mare, come sirene, tritoni, draghi, mostri marini e draug.

Le storie e le leggende sugli spiriti del mare sono molto più presenti e vivaci nell’immaginario norvegese e danese, due culture molto legate al mare poiché dipendenti da esso. Le storie di mare che i norvegesi e ancor più i danesi raccontano sono spesso macabre e paurose, al limite dell’horror e del terrore e vanno dalle esperienze più ingenue e quasi idilliche tra uomini e sirene (o donne e tritoni) a quelle più inquietanti che hanno per protagonisti i drauger (draugr, in islandese).

Nella tradizione più antica, il draug era un morto che ritornava a far visita ai vivi e rientrava nella tradizione dei racconti sui fantasmi. I draug potevano essere sia buoni che cattivi; successivamente – e soprattutto in Norvegia – il termine draug assume il significato più specifico di persona annegata in mare che torna dai vivi emergendo dalle acque per incutere il terrore negli uomini, ricoperti di alghe e stracci, incrostati come un relitto alla deriva, autentici mostri marini. Il draug rappresenta sempre il male.

Le sirene e i tritoni si chiamano sjørå e sono per metà dotati di sembianze umane e per metà sono pesci, ma possono anche essere dei veri e propri uomini o donne del mare.

Le donne che abitano i fondali marini sono molto attraenti e dalle forti caratteristiche erotiche, sconvolgono e distruggono l’uomo. Le creature marine spesso sfidano gli uomini in gare di bravura e di forza ed è in queste occasioni che è possibile ingraziarseli per ottenere favori e protezione durante la navigazione.

Gli esseri del mare – sia pesci a metà o uomini interi – spesso capitavano nelle reti o nelle fiocine dei pescatori e quando venivano catturati erano completamente nudi, l’unica cosa da fare era rivestirli e ributtarli in mare. Guai a ucciderli!, l’uomo del mare avrebbe saputo come vendicarsi… contro le creature marine, l’uomo può fare ben poco perché sono più forti, come forte, minaccioso e instabile è il mare che li ospita.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...