Tesori sepolti


Il tema del tesoro sepolto è molto ricorrente già nella mitologia ed è patrimonio comune delle civiltà nordiche, germaniche e celtiche. Alla base di queste storie di ritrovamenti, vi sono leggende e cronache.

In Scandinavia, tutti – dal piccolo risparmiatore ai cavalieri, nobili e re – sotterravano il proprio tesoro e per ben custodirlo si servivano di incantesimi e guardiani magici: draghi, rospi, galline. Il drago è il custode dei tesori per eccellenza di gran parte delle tradizioni popolari, anche non germaniche. Il rospo è stato per lungo tempo l’animale – simbolo del diavolo, insieme al gatto e al “gallo nero”. La gallina, invece, è un guardiano insolito, l’unico suo “attributo” magico sta nel fatto che il suo sangue era spesso utilizzato nei riti di iniziazione o iscrizione runica.

Ma vi sono ben altri tipi di guardiani del tesoro e del genere più macabro: spiriti, ombre, morti, e i non-vivi; quest’ultimi avevano il compito di indicare all’uomo il luogo in cui un tesoro era nascosto, indurlo nella tentazione di recuperarlo e tendergli la trappola finale che condurrà l’uomo alla morte o, nei casi più felici, alla sola perdita del tesoro ritrovato.

Essendo i tesori spesso consistenti e non riducibili ad una pentola piena di monete d’oro, è facile individuare un luogo dove si può nascondere un tesoro così grande: questi luoghi sono alture, colline e bassorilievi. Tuttora, soprattutto in Svezia, le colline sono considerate dei luoghi magici e al di là della fantasia e delle credenze popolari, nella realtà recenti scavi archeologici hanno portato alla luce tombe regali, cunicoli segreti sotterranei, covi di ladri in prossimità di rilievi naturali. Insomma, sono stati rinvenuti dei veri e propri “tesori”… a conferma delle dicerie popolari. Numerose sono anche le incisioni runiche ritrovate presso questi “tesori” archeologici. Era luogo comune, infatti, per chi seppelliva un tesoro, preservarlo con riti magici che prevedevano l’invocazione delle rune, mentre chi lo ritrovava … doveva restare in assoluto silenzio, non pronunciare una parola per non destare il guardiano e subirne le conseguenze!

Curiosità: in seguito all’ultima glaciazione, il terreno della Scandinavia continua a crescere in altezza al ritmo di 1 cm l’anno sopra il livello del mare. La penisola scandinava non è terra sismica, come lo è, invece, l’Islanda; inoltre, lo scioglimento dei ghiacci tende a far aumentare il livello del mare e allora dov’è il mistero?… che la Scandinavia sia realmente la terra emersa di Atlantide e il suo sottosuolo nasconde tesori inestimabili ?!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...