03 Stay on these roads (1988) – traduzione testi

STAY ON THESE ROADS (1988)

Stay on These Roads

Copertina “Stay on these roads”

Il terzo album degli a-ha nasce in tour. Pubblicato nel 1988, il singolo omonimo – Stay on these roads – raggiunge la prima posizione in classifica in Norvegia e la quinta in Gran Bretagna poche settimane dall’uscita. L’evidenza che gli a-ha stessero cambiando è ancora sottile e le decisioni su quali nuove direzioni intraprendere restano ancora a margine. I brani dell’album sono stati scritti principalmente tra il 1983 e il 1984, quindi attingevano ancora al materiale demo del passato, ma la tecnologia che cambiava li stava spingendo verso nuove soluzioni. Magne Furuholmen ricorda: «La nuova tecnologia ci permetteva di registrare i brani e di portarli a casa per lavorarci sopra e infine registrali in studio. Ricordo che dopo la prima stesura e sessione di scrittura di Stay on these roads insieme a Pål, sono tornato a casa e sono rimasto sveglio tutta la notte a registrare diverse versioni con il mio primo PC Macintosh. Credo che fosse la prima volta che un brano lavorato così finesse  poi nell’album senza troppe modifiche. Registrare diventava molto più semplice e Morten ed io potevamo approcciarci alla scrittura, anche. » Pål Waaktaar fino ad ora era stato il principale artefice dei testi degli a-ha, con questo album, Morten Harket comincia a dare il suo contributo e a indirizzare le scelte.

Pål Waakaar ricorda: «Il testo originale di Stay on these roads prevedeva parole diverse e la frase Sail on my love che, però, non andava bene con la metrica e la melodia a cui stavamo lavorando e allora Morten ha proposto la frase che poi è diventata il titolo dell’album e che suonava perfetta con la metrica. Inoltre Morten e Magne hanno fatto una cosa magnifica insieme sulla parte centrale del brano e i cori».

La maggior parte dei musicisti e degli arrangiatori furono cambiati, in parte come reazione al lavoro con strumenti digitali che tendevano a produrre sempre lo stesso risultato.

Quando l’album fu pubblicato, gli a-ha erano in tour: dopo l’Inghilterra a marzo e aprile, nei mesi successivi e fino a giugno fu la volta di Austria, Svizzera, Germania, Francia e Italia (unica volta in tour nel nostro paese, se si escludono le partecipazioni televisive). Una pausa tra luglio e agosto e di nuovo a settembre in Giappone, ottobre e novembre un tour promozionale nelle principali trasmissioni televisive europee e la conclusione del tour nuovamente in Gran Bretagna e Irlanda. L’essere riusciti a realizzare uno degli album più significativi della band in queste condizioni ha quasi dell’incredibile.

Una citazione a parte merita il brano “The living daylights”. Già contattati nel 1987 per collaborare alla colonna sonora del nuovo film di James Bond – superando la “concorrenza” dei Queen – il brano nacque nel dietro le quinte di Top of the Pops a Londra.

Magne ricorda: «Eravamo talmente eccitati di collaborare con John Barry, ma alla fine la sua forte personalità si è scontrata con tre personalità altrettanto forti riuniti in un’unica entità: gli a-ha.»

Pål: «Dopo aver terminato la registrazione del brano, John Barry vi aggiunse un meraviglioso basso in stile bond e gli archi. A New York, il mixaggio di Jason Corsaro aggiunge delle percussioni esotiche che rafforzano il tema principale». Anche se originariamente, il brano esce come singolo, gli a-ha desiderano integrarlo nell’album uscente, ma scoprono di non possedere i diritti sul brano; per includerlo nell’album gli a-ha avrebbero dovuto registrarlo nuovamente e così fecero. Registrarono il brano nei Mayfair Studios, ma l’arrangiamento fu diverso dalla versione originale. Magne ammette candidamente: «Devo dire che preferisco la versione del film».

Acquista “Stay on these Roads” su Amazon

Ascolta l’album su Spotify o iTunes.

Traduzione dei testi di “Stay on these Roads”

“Stay On These Roads” – Mantieni la rotta[1]

The cold has a voice / Il freddo ha una voce
It talks to me / mi sta parlando
Stillborn, by choice / Nato morto, per scelta

It airs no need to hold / non ostenta alcun bisogno di rimanere

Old man feels the cold… / un uomo anziano ha freddo
Oh baby don’t / Oh amore, no
‘cause I’ve been told / perché mi è stato detto

Stay on these roads / Mantieni la rotta
We shall meet, I know / Ci incontreremo, lo so
Stay on…my love / Resisti, amore mio
We shall meet, I know / Ci incontreremo, lo so
I know / Lo so

Where joy should reign / Dove la gioia dovrebbe regnare
These skies restrain /questo cielo opprime
‘Shadow your love…’ / “Nascondi il tuo amore …”
The voice trails off again / la voce si spezza ancora

Old man feels the cold / Un uomo anziano ha freddo
Oh baby don’t / Oh amore, no
‘cause I’ve been told / perché mi è stato detto

Stay on these roads / Mantieni la rotta
We shall meet, I know / Ci incontreremo, lo so
Stay on…my love / Resisti … amore mio
You feel so weak, be strong / Ti senti così debole, sii forte
Stay on, stay on / Resisti, resisti
We shall meet, I know / Ci incontreremo, lo so
I know / Lo so
I know, my love, I know / Lo so, amore mio, lo so

Feel the cold / Senti il freddo
Winter’s calling on my home…/ l’inverno mi sta reclamando a casa mia.

Writer(s): Pal Waaktaar, Magne, Morten Harket
Copyright: Sony/ATV Music Publishing (Uk) Limited

“The Blood That Moves The Body” – Il sangue che muove il corpo

It’s the way we feel / è così che ci sentiamo
Tonight / Stasera
As if it’s all unreal / Come se tutto fosse irreale
All right / Va bene
My love, won’t you come back to / Amore mio, non tornerai al nostro
Our love, you know I’ll react to / amore?, lo sai che reagirò
The blood that moves my body / il sangue che mi ribolle dentro
Now covers the ground / ora è sparso per terra
The blood that moves the body / il sangue che muove il corpo
The blood that moves the body / il sangue che muove il corpo

There’s nowhere to go / Non c’è luogo dove andare
Tonight / stasera
Lend some warmth to our cold / presta un po’ di calore alle nostre vite
And lonely lives / fredde e solitarie
Red stains on ‘Eyes Of A Blue Dog’ / Macchie rosse su ‘Eyes of a Blue Dog’
My pains fade as the interiors fog / le mie sofferenze svaniscono come nebbia
The blood that moves my body / il sangue che mi robolle dentro
Now colours the ground / ora tinge il pavimento
The blood that moves the body / il sangue che muove il corpo
The blood that moves the body / il sangue che muove il corpo

Not long ago / Non è trascorso molto tempo
It hurt us so / eppure ci fa così male
A tremble through our lives / un fremito attraverso le nostre vite
The love and care… / l’amore e l’attenzione
The way we were / come eravamo
Lost its way at nights / si sono smarriti di notte

It’s the way we feel / è così che ci sentiamo
Tonight / stasera
Lend some warmth to our cold / presta un po’ di calore alle nostre vite
And lonely lives / fredde e solitarie
My love, won’t you come back to / amore mio, non tornerai al nostro
Our love, you know we’ll react to / amore?, lo sai che reagirò
The blood that moved our bodies / il sangue che ci ribolle dentro
Now covers the ground… / ora è cosparso sul pavimento
Now covers the ground / ora è cosparso sul pavimento

Writer(s): Pal Waaktaar
Copyright: Sony/ATV Music Publishing (Uk) Limited

“Touchy!” – Sensibile![2]

Donna found us in her slow and dreamy way / Ci ha trovato nella sua scia lenta e sognante
I can’t hear a word the waiter says / Non sento una parola di quello che dice il cameriere
She’s looking older now… / Ora sembra più vecchia …
The color of her hair / il colore dei suoi capelli
She walks into the room and pleased to find me there / entra nella stanza compiaciuta di trovarmi là

Me I’m touchy – Touchy you / Io, io sono sensibile – Permalosa tu
Me I’m touchy / Io sono sensibile
And you know what to do / e tu sai cosa fare
Me I’m touchy / Io sono sensibile
Touchy, touchy you / capricciosa, capricciosa tu
Me I’m touchy and you know what to do / io sono sensibile e tu sai cosa fare

Both of us together in a room by ourselves / Noi due insieme in una stanza ognuno per sé
I sneeze to look around, but there’s no escape / starnutisco per guardarmi intorno, ma non c’è via di scampo
What can I do, what can I say / Che posso fare, cosa posso dire
She’s waiting for this moment to explain itself / Sta aspettando questo momento per rivelarsi

Me I’m touchy – Touchy you / Io, io sono sensibile – permalosa tu
Me I’m touchy / Io sono sensibile
And you know what to do / e tu sai cosa fare
Me I’m touchy / Io, io sono sensibile
Touchy, touchy you – bisbetica, bisbetica tu
Touching love is the best I can do / l’amor compassionevole è la cosa migliore che sappia fare
Hey, this time you’ve gone too far / Hey, questa volta stai esagerando
You know how touchy we are / lo sai come siamo permalosi

Donna found me in her slow and dreamy way / Mi ha trovato nella sua scia lenta e sognante
Now she reads me what the papers say / mi sta leggendo quello che è scritto sui giornali
The way she laughs at what I do / il modo in cui ride delle cose che faccio
I’m waiting for this moment to explain itself through / sto aspettando che questo momento si riveli

Writer(s): Pal Waaktaar, Magne, Morten Harket
Copyright: Sony/ATV Music Publishing (Uk) Limited

“This Alone Is Love” – è solo amore

This alone is love / è solo amore
No small thing / non piccola cosa
This alone is love / è solo amore
That my love brings / che il mio amore porta

And all of us / e ognuno di noi
Who are travelling by trap-doors / che viaggia tra le botole
Our souls are a myriad of wars / le nostre anime sono miriadi di guerre
And I’m losing everyone / e io sto perdendo tutti

It will make my last breath pass out at dawn / mi farà esalare l’ultimo respiro all’alba
It will make my body dissolve out in the blue / farà dissolvere il mio corpo nel nulla
Oh baby, what can we do. / Oh baby, cosa possiamo fare

Writer(s): Pal Waaktaar, Magne
Copyright: Sony/ATV Music Publishing (Uk) Limited

“Hurry Home” – Presto a casa

Hurry home / Presto a casa
Freight train running / il treno merci sta correndo
I’ve been gone / sono stato via
Too long, honey / troppo a lungo, tesoro
Why did I waste away / Perché ho sprecato
The only good thing left to save me / l’unica cosa buona rimasta per salvarmi

Hurry home / Presto a casa
Freight train running / il treno merci sta correndo
She’s alone / è sola
Got no money / non ha soldi
(She’s alone…she got no money / (è sola … non ha soldi
Coming home, I’ve done my running) / sto tornando a casa, ho fatto la mia corsa)
Coming home / sto tornando a casa
No more running / non più corse
Why now should I deny / perché dovrei negare
The only true thing left inside me / l’unica cosa vera rimasta in me
Coming home / sto tornando a casa
No more running  / non più corse

I’m doing right / sto facenso la cosa giusta
For once in my life now / per una volta nella mia vita
I’m doing right / sto facendo la cosa giusta
For once in my life now / per una volta nella mia vita
No more running… / non più corse …
(He’s doing right!) / (sta facendo la cosa giusta!)

(Rolling countries… fields unfolding / (scorrono i paesaggi … i campi si srotolano
I swear the winds are calling) / giuro, i venti stanno chiamando)

So I hurry home / allora mi affretto a tornare a casa
No more running / non più corse
She’s all alone / è sola
She got no money / non ha soldi
(She’s alone…she got no money / (è sola … non ha soldi
coming home, I’ve done my running) / torno a casa, ho fatto la mia corsa)
Why should I go and hide / Perché dovrei nascondere
The only true thing left inside me / l’unica cosa vera rimasta in me
Hurry home / Presto a casa
Freight train running / il treno merci sta correndo.

Writer(s): Pal Waaktaar, Magne
Copyright: Sony/ATV Music Publishing (Uk) Limited

“The Living Daylights” – Zona Pericolo[3]

John Barry scrive in collaborazione con il gruppo  a-ha, l’omonima colonna sonora del film “The Living Daylights.” Zona pericolo è il film che festeggia i venticinque anni della serie cinematografica di James Bond.

Hey driver, where’re we going / Hey autista, dove stiamo andando
I swear my nerves are showing / ho i nervi a fior di pelle
Set your hopes up way too high / alza l’asticella delle tue speranze
The living’s in the way we die / la vita si rivela nel modo in cui muoriamo

Comes the morning and the headlights fade away / Giunge il mattino e le luci si smorzano
Hundred thousand people… / centinaia di migliaia di persone …

I’m the one they blame / Io sono colui che biasiman

I’ve been waiting long for one of us to say / ho aspettato a lungo che qualcuno di noi dicesse
Save the darkness, let it never fade away / Custodisci l’oscurità, non lasciarla mai svanire
In the living daylights /  nella zona pericolo

All right, hold on tight now / Bene, accosta ora
It’s down, down to the wire / è in fondo, in fondo alla recinzione
Set your hopes up way too high / alza l’asticella delle tue speranze
The living’s in the way we die / la vita si rivela nel modo in cui muoriamo

Comes the morning and the headlights fade in rain / giunge il mattino e le luci svaniscono nella pioggia
Hundred thousand changes… / centinaia di migliaia di cambiamenti

everything’s the same / … tutto resta uguale
I’ve been waiting long for one of us to say / ho aspettato a lungo che qualcuno di noi dicesse
Save the darkness, let it never fade away / Custodisci l’oscurità, non lasciarla mai svanire
In the living daylights / nella zona pericolo

Comes the morning and the headlights fade away / Arriva il mattino e le luci si smorzano
Hundred thousand people… / centinaia di migliaia di persone

I’m the one they frame / Io sono l’unico che inquadrano
In the living daylights / nella zona pericolo.

Writer(s): Pal Waaktaar
Copyright: Sony/ATV Music Publishing (Uk) Limited, United Lion Music

“There’s Never A Forever Thing” – Nulla è per sempre

Dearest… / Amore
Close your eyes now / chiudi gli occhi, ora
Don’t you cry / Non piangere
It’s all right / va tutto bene

Lie back / Riposati
Leave the lights on / lascia le luci accese
It’s all right, dear / va tutto bene, amore

I’ll be here through the night / resterò qui tutta la notte
With you till the first signs of light / con te fino alle prime luci dell’alba
Say the word and I’ll come tonight / dì una parola ed io sarò con te stasera

It’s all right now / va tutto bene, ora
Don’t you cry now / non piangere, ora
Hush… / ssh! Non parlare
Wipe your tears away / asciuga le lacrime
There’s never a forever thing / nulla è per sempre

All through the night / Tutta la notte
I’ll try so hard to be there somehow / farò di tutto per stare lì con te
With you till the first signs of light / con te fino alle prime luci dell’alba
Say the word and I’ll come / dì una parola ed io verrò
Tonight / stasera

Darling, don’t you / Amore, no
Cry. / non piangere.

Writer(s): Pal Waaktaar
Copyright: Sony/ATV Music Publishing (Uk) Limited

“Out Of Blue Comes Green” – Dalla tristezza nasce il rancore[1] 

Father / Padre
My wings are clipped / Le mie ali sono tarpate
See the steps that made me trip / vedi i passi che mi hanno portato lontano
Now I’m so lonely / ora sono così solo

Mother / Madre
Time’s frozen flame / La fiamma gelida del tempo

Seem to linger in the rain / sembra fluttuare nella pioggia
Holding me only / lasciandomi solo

Like a river I’m flowing / come un fiume sto scorrendo
And there’s no way of knowing / e non c’è modo di sapere
If I’m coming or going / se sto andando o tornando
I need something to chain me down / ho bisogno di qualcosa che mi trattenga

But it don’t matter / Ma non importa
My eyes have seen… / I miei occhi hanno visto …
For better / il meglio
Out of blue comes green / Dalla tristezza nasce il rancore
Mother / Madre
I have gone wrong / ho sbagliato
Work my fingers to the bone / lavoro fino allo sfinimento
All I’ve been doing / tutto quello che faccio
Father / Padre
Proud that I am / sono così orgoglioso
To be born into such hands / di essere nato in tali mani
Your love so renewing / il tuo amore è così rigenerante

And I know I can lose it / E so che potrei perderlo
Part of life…you can’t choose it / fa parte della vita … non c’è scelta
As I touched the horizon / Appena ho toccato l’orizzonte
It just felt like I’d die soon / mi sono sentito come morire

Don’t matter / Non importa
My eyes have seen / I miei occhi hanno visto
For better / il meglio
Out of blue comes green  / Dalla tristezza nasce il rancore

Writer(s): Pal Waaktaar
Copyright: Sony/ATV Music Publishing (Uk) Limited

[1] Magne Furuholmen – il tastierista – spiega il significato del titolo con grande licenza poetica, prestandosi a diverse interpretazioni. Sebbene la traduzione più ovvia sia “All’improvviso arriva il sereno”, nelle intenzioni del musicista le frasi idiomatiche hanno un “colore” diverso: “blue – blu” è il colore della tristezza (basti pensare allo stesso genere musicale del blues), “green – verde” è il colore attribuito all’invidia, al rancore, al sospetto, quindi – come spiega Magne: «The title simply means that from sadness springs suspicion », cioè dalla tristezza nasce il rancore, la diffidenza, il sospetto. Nel rispetto delle intenzioni degli autori, ho optato per la traduzione più “colorata” e meno scontata.

You are the one – Sei Unica

You are the one who has done me / Tu sei l’unica che mi ha sfinito
Guess you knew from the start / Immagino che lo sapessi dal principio
I call again, but there’s no one in / Chiamo ancora, ma non c’è nessuno in casa
Don’t know where, with whom you’ve been / Non so dove, nè con chi sei stata

But I do / Ma io davvero
Love you / ti amo
Anyway you want me to / qualunque cosa tu voglia da me

You are the one…now the state I’m in! / Tu sei l’unica … guarda in che stato sono!
Catching you was so hard / Corteggiarti è  stato così difficile
I fought for you, did you let me win!? / Ho lottato per te, mi hai lasciato vincere?
Don’t even care, don’t care / Non importa, non ti importa
Where I’ve been / dove sono stato

But I do / Ma io davvero
Love you / ti amo
Anyway you want me to / qualunque cosa tu voglia da me

I’ve done all I can do / Ho fatto tutto quello che potevo
All the letters…I’ve sent through / tutte le lettere che ti ho spedito
Put my life in the palms of your hands / hai messo la mia vita nel palmo delle tue mani
Maybe now you can see / Forse ora capirai
That it’s got to be me / che dovevo essere io
But if you leave me / Ma se mi lasci
I’ll understand, yeah / capirò, sì
If you leave me, I’ll understand / Se mi lasci, capirò

You are the one who has done me / Tu sei l’unica che mi ha sfinito
Guess you knew from the start / Immagino lo sapessi dal principio
I call your friends, but there’s no one in / Chiamo i tuoi amici, ma nessuno è in casa
Catching you is so hard / Conquistarti è così difficile
You are the one! / Sei unica!

Writer(s): Pal Waaktaar, Magne
Copyright: Sony/ATV Music Publishing (Uk) Limited

“You’ll End Up Crying” – Finirai col piangere

You’ll end up crying / Finirai col piangere
With your mother’s eyes[4] / disperatamente
Pretend you can’t see yourself / fingendo di non vedere te stessa
Could have been better / potrebbe essere meglio
Could have been worse / potrebbe essere peggio
You could have been yourself / potresti essere te stessa

Brought up in mom’s arms / Cullata dalle braccia di mamma
Nowhere to fall / nessuna possibilità di cadere
Now you’re out climbing / Ora ti stai arrampicando
Taking it all / per prendere tutto

You’ll end up crying / Finirai col piangere
With your mother’s eyes / disperatamente
Suffer that moment’s pain / e soffrire il dolore di quel momento
Could have done better / avresti potuto fare meglio
Could have done worse / avresti potuto fare peggio
Lost in your love for more / persa in troppo amore

Now you’re out climbing / ora stai scalpitando
And you should know / e dovresti sapere
You’ll end up crying / finirai per piangere
Wherever you may go / ovunque tu possa andare

Brought up in mom’s arms / cullata dalle braccia di mamma
Nowhere to fall / nessuna possibilità di cadere
Now you’re out climbing / ora ti stai arrampicando
Climbing to fall / arrampicando per cadere

You’ll end up crying / finirai col piangere
With your mother’s eyes / disperatamente
Something is lost from the start / qualcosa è perso fin dal principio
Could have been better / potrebbe essere meglio
Could have been worse / potrebbe essere peggio
You’re going to need me there / e allora avrai bisogno di me

 

Writer(s): Pal Waaktaar, Magne
Copyright: Sony/ATV Music Publishing (Uk) Limited

Traduzione testi “Stay on these Roads” © Annalisa Maurantonio

[1] Anche se la traduzione letterale è “Resta su questi sentieri – Rimani su queste strade” – che è ugualmente poetico – ho optato per una traduzione che mantenesse lo stesso significato di fondo e che alludesse allo stesso tempo al titolo originario “Sail on, my love” [n.d.t.]

[2] Touchy significa sia “persona che si offende facilmente”, quindi permaloso e irascibile, quanto “persona ipersensibile, da trattare con cura” quindi sensibile. Poiché nel testo, il sostantivo viene utilizzato in tutti i suoi possibili significati e allusioni del verbo “touch – toccare”,  per il titolo ho preferito quello più “generico”.

[3] Si mantiene il titolo italiano del film perché è più evocativo e immediato per il pubblico italiano [n.d.t.]

[4] “To cry one’s eyes” è una frase idiomatica – come molte di quelle utilizzate nei testi degli a-ha – che significa “piangere disperatamente – piangere tutte le lacrime del mondo –  piangere inconsolabilmente”: tale è la disperazione che non bastano le lacrime dei propri occhi, ma si piangono anche le lacrime con gli occhi di qualcun altro.