Buskerud

L’abito festivo di Nedre Hallingdal

I costumi tradizionali da Nes, Gol e Hemsedal hanno molte cose in comune e per questa ragione sono considerati appartenenti ad un’unica zona di provenienza. La caratteristica di questo costume è la vita molto alta. La moda “stile impero” era nel ‘700 dominante e fino all’800 determinò la fattura del punto vita. La foggia del costume tradizionale si è prestato ovviamente a molte varianti a seconda della società locale. Oggi, i produttori utilizzano lana, raso, drappeggi e damaschi di colore nero per le cinture. La vita è in stoffa nera con ricami in rilievo di lana. La cintura dell’abito tradizionale per i bambini è in semplice lana nera. Il grembiule in mussola a quadri o con stampa a fiori si usa per le occasioni festive. La gonna del costume per le festività è in cotone bianco con ricami. La cuffietta, oggigiorno, riprende lo stesso ricamo della cintura in vita. Tradizionalmente si adornava con un fazzoletto legato sulla testa, sopra la cuffia.

L’abito tradizionale maschile di Hallingdal

Questo abito risale ad un modello per uomini del 1800 nella regione dell’Hallingdal. Secondo uno degli acquarelli di Johannes Flintoe (1822) l’abito era già molto ricamato e prevedeva una giacca bianca. Come altri abiti tradizionali da Hallingdal, anche questo è una combinazione di influenze della moda estera e caratteristiche della società locale per quanto riguarda l’uso dei materiali, il gusto e l’economia. L’abito maschile era più spesso soggetto a influenze dall’esterno sia perché gli uomini si spostavano più delle donne sia perché il servizio militare di leva si svolgeva lontano dalle regioni di nascita.

Il costume del Ringerike

L’abito fu “assemblato” alla fine degli anni ’40, ma non fu messo in commercio prima del 1954. La lavorazione cominciò per rispondere al desiderio di un abito delle feste “più bello” che caratterizzasse il Ringerike. Si desiderava un abito ricco di ricami e che assomigliasse grosso modo al “Grafferdrakten” del Gudbrandsdalen. I ricami sono copiati da un motivo scolpito su un tavolo di circa 200 anni fa e oggi custodito presso il Ringerikes Museum. L’origine dell’intarsio è sconosciuta, alcuni ritengono sia ispirata ad un’antica sottana, ma gli esperti sostengono che molto probabilmente si trattava di un decoro di una tovaglia. Il motivo degli insetti si ripete lungo tutta la gonna. La cintura in vita e la giacca sono in lana nei colori del nero e del blu scuro.

Le sottana di Hallingdal

A Øvre Hallingdal (Ål e Hol), le donne anziane indossavano gonne lunghe, grembiuli e sottane fino a oltre il 1980. La gonna nera con la cintura era il tipico “vestito della domenica” (e delle cerimonie). «Unde´stakken» (sottogonna) era l’elemento tipico dell’abito quotidiano, in uso anche nei giorni di festa e per fare bella figura. Come dice il nome stesso, la sottogonna si nascondeva sotto le gonne più belle e ricamate. Anche questi – come gli altri abiti di Hallingdal – risentono delle influenze dall’esterno arricchite dal gusto e dai materiali locali. La gonna nera è di lana o stoffa da smoking. La sottogonna è di cotone con stampa a quadri o di lana a strisce verdi. La gonna si può realizzare anche in colorate stoffe di lana con sfumature verdi e blu. Nella parte meridionale della regione di Hallingdal esistono gonne con fondo verde, ma si usano solo per le festività solenni.

Costume tradizionale nuziale di Hallingdal (Buskerud)

Questo abito è una riproduzione del costume tradizionale nuziale che si trova custodito presso il Museo Popolare di Hallingdal a Nesbyen. La cintura alta è di lana rossa damascata fermata con una fibia in argento. Il fazzoletto è di mussola fiorata su fondo bianco. Il numero delle frange che pendono dalla corona della sposa dipende dall’età della sposa.

L’antico costume del Ringerike

Il punto di partenza per la realizzazione di questo abito è un dipinto di donna di un artista locale, Odnes, del 1774. Il dipinto si trova ad Hesselberg Gård nel Norderhov. La donna del dipinto fu chiamata la “pescatrice” perché reggeva un cesto di pesci con un braccio.

La sartoria di questo costume è ricca di elementi in stile rococò, anche se il costume ritratto nel dipinto se ne discosta. I fiori sulla giacca sono ispirati ad un antico fazzoletto di seta della tradizione del Vestern. L’abito fu presentato per la prima volta nel 1935 ed elaborato in occasione della fiera regionale del Ringerike. La prima versione era in cotone, tessuto e cucito nella scuola superiore popolare di sartoria del Ringerike. Il costume era piuttosto “parsimonioso” nei materiali, dal momento che a quel tempo non vi era alcuna esigenza “modaiola” come oggi.

Fonte: Norskflid

2 thoughts on “Buskerud

  1. Harrison scrive:

    This is very fascinating. I’ve joined your rss feed and stay up for looking for extra of your fantastic post. Additionally, I’ve shared your site in my social networks😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...