Østfold

Il costume tradizionale dell’Østfold

Østfold bunad

Questo abito è stato prodotto nel 1936 dagli artigiani dell’Østfold. A quel tempo non esisteva ancora alcun abito tradizionale regionale. La struttura dell’abito risale alle antiche fogge delle sottane e delle giubbe dell’antica dimora di Ellefsrød a Idd, lo scialle proviene da Valdres (raccolta privata di Homs) e la spilla sul petto proviene da Askim. Il ricamo dello scialle è riprodotto anche sulle tasche e sul berretto. Lo scialle ha due ricami agli angoli opposti. Il modello originale riproduceva due ricami con motivi identici, uno con le sfumature rosse e l’altro con le sfumature verdi. Quello con le sfumature verdi era utilizzato per le festività. Il ricamo con i motivi rossi viene sostituito da una versione con sfumature rosa pallido, grigio argento e blu da utilizzare in caso di lutto o in qualsiasi altra occasione in cui si desidera manifestare la propria condizione di sofferenza. Quindi, a seconda delle occasioni, si può applicare un ricamo diverso e mostrare così il proprio stato d’animo, di gioìa o di dolore.

La gonna è di lana caprina nera e l’orlo del piede della gonna è discretamente decorato con striature di colore rosso ruggine o verde.

L’abito tradizionale femminile dell’Østfold, variante di Oslo

Østfold variante

Questa è una variante dell’abito tradizionale ricostruito e fu elaborata dall’Unione nazionale degli artigiani di Oslo. Lo scialle di questo abito è anch’esso ispirato ad un antico ricamo su un fazzoletto di Idd, ma è stato ricopiato solo il motivo rosso. L’abito è dotato di un grembiule copiato da una stoffa misto lana, tessuta a mano, proveniente da Skiptvedt. Il copricapo rosso è una copia di un vecchio berretto proveniente da Ellefsrød, a Idd. Le componenti principali dell’abito, quali la gonna, il corpetto e la blusa sono identici al vestito regionale dell’ Østfold; la differenza principale è nell’uso del grembiule e l’assenza del motivo del “ricamo per le circostanze di lutto” sullo scialle. La gonna è di lana caprina nera. La baschina è in in lana damascata color verde o rosso ruggine con un ricamo il cui motivo si ispira agli abeti.

L’abito tradizionale maschile dell’Østfold

L’abito tardizionale maschile dell’Østfold fu completato nel 1990 e ricostruito sulla base di singole componenti provenienti da Ellefsrød, a Idd risalenti al periodo a cavallo tra il 1700 e il1800. Inmancanza di un modello per la camicia proveniente dalla stessa area, ne p stata copiata una in cotone proveniente da Gjulem nel Rakkestad e un altro modello in lino proveniente da Onsøy. La giacca si chiama „kjol“ (marsina) e si produce in due varianti: in bigello bianco con l’orlo in lana verde oppure bigello blu con l’orlo in lana turchese. Il primo modello è oggi esposto al Norsk folkemuseum.

I pantaloni al ginocchio sono in bigello nero o in pelle leggera scamosciata e ha quattro bottoni d’argento all’altezza del ginocchio. Un fazzoletto di seta per la gola e un cappello di feltro nero completano l’abito.

Fonte: Norskflid

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...